La Gioielleria Ruegg fu fondata nel 1848 dai fratelli Ruegg, il quale nome è ancora presente in nome della correttezza.

Nel 1944 infatti, all'età di 14 anni, fu assunto Gioacchino Doria, con compiti abbastanza vaghi data l'età, ma da li non  si mosse più.

I Ruegg di origine Svizzera, gli trasmisero la passione per la gioielleria insieme al culto per la correttezza. Una scuola, rammentava, che diede un impronta alla sua vita ed al suo lavoro.

Nella gestione della sua azienda fu assistito inizialmente dalle figlie e successivamente dal nipote, il quale oggi si occupa personalmente degli acquisti destinati ad una clientela che, per buona parte, è costituita da fedelissimi di antica data. 

          

Doria prediligeva gli oggetti non troppo lontani dalla "tradizione", cioè con belle pietre controllate personalmente, di buona fattura, con un contenuto di originalità che gratificasse le aspettative delle destinatarie.

Non amava i gioielli "Firmati" perchè, in linea con la sua etica professionale, si considerava garante in prima persona di quanto poteva offrire.

Tale scelta viene portata avanti tutt'oggi dal nipote, il quale, dal 2005, è subentrato nella gestione della ditta, presentando nel 2006 una nuova veste del locale. 

Si va infatti ad aggiungere ad un rinnovato piano superiore, un piano inferiore destinato alla scelta dei doni per le future coppie. 

Una storia di fascino e bellezza che, oggi come ieri, con gusto e correttezza, cresce e si evolve in linea con lo stile e le tendenze del momento.